Documentazione giuridica - Immobiliare

» Rimborso imposte per l’acquirente di fondo rustico
» Spese documentate relative agli interventi volti al recupero edilizio: aumento della detrazione
» La data del riscatto determina la misura delle ipocatastali
» Guida acquisto casa
» Agevolazioni "prima casa"
» La detrazione IRPEF del 36% per gli interventi di recupero
» Detrazione del 36% fruibile anche dall’acquirente
» Terreni agricoli e cd. prezzo – valore
» Riacquisto di prima casa a titolo gratuito
» Reverse charge: l’inversione allarga il campo
» Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati – Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83

Reverse charge: l’inversione allarga il campo

L’articolo 1, commi 156 e 157 della L. 24 dicembre 2007 n. 244 (cd. Legge Finanziaria per l’anno 2008) prevede che, per le fatture emesse a far data dal giorno 1° marzo 2008, il procedimento per l’inversione contabile (cd. reverse charge), si applica anche per le cessioni di fabbricati strumentali a cessionario che detrae l’Iva in misura non superiore al 25%.
L’agenzia delle entrate, con risoluzione 97/E del 14 marzo 2008, ha statuito che il procedimento di inversione contabile si applica alle prestazioni di servizi rese nel settore edile da una società che opera nel campo delle costruzioni nei confronti di una società immobiliare di investimento, se entrambi appartengono al comparto dell’edilizia e se il loro rapporto è regolato da un contratto di subappalto. Tale meccanismo si impiega, inoltre, nel particolare caso in cui, in un contratto di cosa futura, l’acquirente finale dell’opera è conosciuto sin dall’origine e le società hanno stipulato tra loro un contratto di subappalto.

 

Studio Notarile - Notaio Dr. Walter Crepaz - Notaio Dr. Elena Lanzi Reverse charge Via Alto Adige 40 - 39100 Bolzano Alto Adige Italia info@crepazlanzi.it Tel +39 0471 97 55 85 / +39 0471 22 33 44 - Fax +39 0471 97 11 13